Thursday, October 28, 2010

Tortolino

Roberto Tortoli, condannato a 3 anni e quattro mesi per Variantopoli, potrebbe passare a Fli. Anche Fli avrebbe i suoi bei condannati, nonostante Granata continui a raccontarci cose poco credibili sull'attenzione del nuovo gruppo per la legalità. Bugiardi.

Wednesday, September 29, 2010

L'uomo dei (2) mari

Tuesday, September 21, 2010

A chi servono gli avvocati?


Per gli amici avvocati: la domanda è tutt'altro che polemica. Semmai mi stavo chiedendo se gli avvocati servono di più a chi ha paura o si sente minacciato. Soprattutto se ha la coscienza sporca.

Tuesday, September 14, 2010

Se lo dice Lui...

Monday, September 13, 2010

Thursday, September 9, 2010

GD e Sakineh Mohammadi Ashtiani

Contro la lapidazione e ogni forma di violenza sulle donne.

I Giovani Democratici di Follonica: non Toccate Sakineh

Sunday, September 5, 2010

?

La Ryanair potrebbe aprire a Grosseto? Chiedetelo al Tirreno, io comunque ci credo poco, e non vedo come possa convenirle. Nessuno me ne voglia ma con l'aereoporto di Pisa così vicino e così fornito di rotte non la vedo una grande scommessa.
Naturalmente spero di sbagliarmi...

Friday, August 27, 2010

Termovalorizzatori dogmatici

Vari punti di vista riguardo la questione del termovalorizzatore, che in questi ultimi tempi, è uno dei temi al centro del dibattito attuale.

Non solo inquinamento, anche possibilità...

Da Rubbia, a Veronesi, a Rifkin: gli scienziati si esprimono sui termovalorizzatori

Wednesday, August 25, 2010

Tifotessera

Flop di abbonamenti al Franchi. Colpa della tessera del tifoso. Ma se non abbiamo nulla da nascondere perchè ci spaventa far vedere un tesserino con nome e cognome?
Evidentemente chi non lo vuole ha cattive intenzioni e allora è bene che stia fuori, sennò perchè si preoccuperebbe?
In fondo non ci sarebbe scritto niente che non sia già sulla carta d'identità!

Tuesday, August 24, 2010

Corsi e ricorsi dell'immigrazione


Una bimba di origini cinesi a Prato è in overdose da farmaci per una traduzione sbagliata.
In Germania c'erano stati casi simili molti anni fa, quando le donne turche che arrivavano con i ricongiungimenti familiari non parlavano una parola di tedesco. Poi furono imposti corsi di tedesco agli stranieri. Ancora oggi, se si vuole studiare in Austria o in Germania, è necessario dimostrare di conoscere la lingua almeno ad un livello B2. Il risultato è che il presidente dei Verdi, Cem Özdemir (nella foto), ha nome e cognome turco.
Se anche noi legassimo la concessione del permesso di soggiorno alla frequentazione obbligatoria di corsi serali di Italiano (la gente deve pur lavorare) sarebbe poi così scandaloso? Potremmo cominciare dalla Toscana.

Repubblica, Firenze

Wednesday, August 4, 2010

Made in ottusità


Pistoia vieta il cibo etnico in centro. Bel modo di propagandare il made in italy all'estero. Speriamo che nessuno si vendichi.

Nella foto la pizzeria "Grosseto" di Praga.

Saturday, July 31, 2010

Burning Times


"... questi ex preti che devono essere ridotti allo stato laicale e cacciati, meritano, salva la misericordia di Dio, di finire la loro vita all' Inferno che li aspetta. La omosessualità in un prete, se tradotta in pratica depravata, é addirittura più grave della pedofilia, si tratta di uomini viziosi e perversi, che si sono abbandonati a oscene pratiche contro natura".

Questo è quanto dichiarato del vescovo emerito di Grosseto, Giacomo Babini. Losco figuro lodato come "serio e moralmente ineccepibile" da Bruno Volpe sul sito Pontifex.
Certo che queste affermazioni facciano rabbrividire ogni persona di buon senso le consegnamo ai lettori senza commentarle.
Aggiungo solo che mi ricordano un tempio buio della storia d'Europa, quando il nostro continente era illuminato dai roghi piuttosto che dall'elettricità. Quando sia nei paesi cattolici che protestanti si poteva solo scegliere fra il cristianesimo e la morte violenta. I Burning Times del titolo, come li chiamano i pagani inglesi.

Oggi nessuno osa più parlare di roghi ma omosessuali, agnostici, liberali, scienziati, ricercatori si vedono negare a parole la cittadinanza democratica, come se fossero meno italiani degli altri.

Wednesday, July 28, 2010

Central Park

da 0566news.it

Saturday, July 24, 2010

Saturday, June 26, 2010

ComuniCando

Sunday, June 13, 2010

L'immoippodromo

Turini ha detto che il ritiro della FCC dal progetto ippodromo tradisce lo spirito dell'impianto e che c'è sempre "meno ippica (e) sempre più immobiliarismo".
Il commento va preso sul serio. Nessuno capisce di immobili come il Pdl. Non sanno come vengono pagati, ma li usano sempre volentieri. Ma non facciamo discorsi nazionali...anche perchè non li capirebbero visto la marmaglia antiunitaria con cui governano.
Per quanto riguarda poi le critiche al progetto economico per il rilancio di Follonica, l'opposizione dovrebbe pensare prima di parlare. Infatti più di un consigliere del Pdl del Golfo ha trascorsi socialisti e sappiamo bene come le ultime giunte di centrosinistra della prima Repubblica hanno lanciato la nostra città verso la monocultura turistica.
L'ippodromo se sarà ben gestito potrebbe diventare una grande occasione per sperimentare un nuovo sentiero di crescita. Non può essere l'unico tassello, ma è una prima dichiarazione di volontà verso un futuro diverso, a cui spero che possa seguire una politica industriale seria per il Comune.
Proprio per questo è necessario vigilare su come procederà la sua gestione, ma un subappalto non è necessariamente la fine del mondo.


Wednesday, June 9, 2010

Tuesday, June 8, 2010

Domanda


Ancora una volta mi chiedo: può un uomo servire due padroni ed essere fedele a entrambi?

Wednesday, June 2, 2010

Alla faccia del preside!

Tuesday, June 1, 2010

Propostina sulle province

Tuesday, May 25, 2010

Intervista doppia

Monday, May 24, 2010

Leggete, per favore

Leggete questo link per favore. Tutti i democratici onesti sanno a chi fa riferimento questo sito. Conoscono l'enorme conflitto di interessi di questa persona riguardo al tema intercettazioni. Sanno come ha condotto il centrosinistra all'incapacità politica quando potevamo ancora essere capaci.
Poi chiedo a tutti di interrogarsi se nel PD ci sia veramente bisogno di gente così o se non dobbiamo invece fare pulizia.

leftwing.it, intercettazioni

Sunday, May 23, 2010

Wednesday, May 19, 2010

Prodi Otto e Mezzo 3/3

Prodi Otto e Mezzo 2/3

Prodi a Otto e Mezzo 1/3

Monday, May 17, 2010

Secondo voi chi dei nostri deve tremare?

Annotano i Ros nella loro informativa: «Gli incontri tra Pompeo Rosario Padovano e l’avvocato Flavio Fasano, già Sindaco del comune di Gallipoli, oltre alle richiamate esigenze riguardanti l’omicidio riguardavano anche altri argomenti che denotato lo stretto legame comunque esistente tra i due». Più avanti si legge: «Successive conversazioni tra Padovano e Fasano erano infatti attinenti al recupero di materiale documentale, da far pubblicare sugli organi di informazione, riguardante l’acquisto da parte di politici di copie del testo scritto dal defunto capo clan Salvatore Padovano, intitolato “Da Ciano all’11 settembre”. La finalità era quella di screditare gli avversari politici di Fasano, candidati nelle elezioni amministrative del 13 e 14 aprile 2008».

Da La Gazzetta del Mezzogiorno

Sunday, May 16, 2010

News

Consiglio web: pd2.it

Sunday, May 9, 2010

Bersani in Sardegna 2

Bersani in Sardegna 1

Nomine in libertà

Parco Minerario, nomine cercasi. Nomine di provata "libertà"?

Friday, May 7, 2010

Approvato il bilancio del Coseca

Il Coseca sana i conti, approva il bilancio e parla di futuro. Al prossimo esercizio l'ardua sentenza.

Chi ha paura della musica?

Wednesday, May 5, 2010

Granduca - via, altraeuropa-tito.blogspot.com


Denis Verdini è un personaggio curioso, il collo forte i capelli folti, banchiere a modo suo, il fascino del toscano che prende a morsi la vita come fa con le bistecche alle sagre. A Roma vive come un principe del rinascimento, altro che lettoni di Putin, lui ha classe. Eppure fino all'anno scorso non avresti mai detto che potesse intrallazzare così tanto. Già perchè pareva che ci sapesse fare Denis, che conoscesse "Il Principe" e quell'altro Pesudoprincipe a memoria. Che se fosse nato solo centocinquant'anni fa sarebbe stato un Granduca, ma non come Canapone. Di quelli alla Cosimo I, il conquistatore di Siena, che se voleva qualcosa la prendeva, donne o città, e alla fine si risolveva tutto in un trionfo coi tappeti rossi appesi alle finestre ed archi improvvisati con frutta e fiori.
Ma Verdini non è un Medici e neanche un Asburgo, è di origini umili. Verdini ha commesso l'errore di tutti i parvenu: ha voluto strafare, ci ha dato troppo dentro e ha creduto di essere invincibile solo perchè era arrivato là dove nessuno della sua famiglia era mai arrivato. Verdini ha conosciuto il potere senza essere stato educato a riceverlo. E allora si è fatto beccare. Per la seconda volta.
Ieri la Procura di Firenze ha chiesto il giudizio immediato per l'affaire della scuola dei marescialli, in cui sono coivolti imprenditori suoi amici.
Non è bastato. Quei giacobini della Guardia di Finanza hanno infierito e stavolta non si sa se le truppe imperiali scenderanno da Milano/Arcore come fecero nel '49 a salvare il principe in difficoltà. Stavolta l'intreccio è complicato, terribile. Ci sono dentro tutti. Lui, gli imprenditori, la banca, Propaganda Fide (signora dell'Ici). Praticamente rappresentanti di tutti i settori della classe dirigente italiana.
Stavolta può darsi che l'Imperatore lasci da solo uno dei suoi generali. Che dopo Scajola abbandoni anche lui. Può darsi che Denis debba abbandonare Firenze e la sua villa romana. Purtroppo non sappiamo se potrà farlo come l'ultimo dei granduchi, nella tranquillità e nell'affetto di un popolo che in fondo aveva voluto bene a quel principe affettuoso e un po' tontolone. Forse stavolta la folla farà più rumore, ma tranquillo Denis: siamo in Italia. Qui il rumore al massimo è un ultrasuono.

Sunday, May 2, 2010

Senza parole

Piccole Faenzi imparano da grandi presidenti

Le maggioranze che si cambiano le regole da sole, anche in piccolo. Moda o filosofia di vita?

iltirreno.gelocal.it

Wednesday, April 28, 2010

Consiglio (via altraeuropatito.blogspot.com)




Andatelo a vedere. C'è molto da imparare riguardo ai nostri tempi e riguardo a come siamo diventati quello che siamo.

P.s. Libertà!

Saturday, April 24, 2010

Allora come adesso

Thursday, April 22, 2010

Il verde che avanza


Come potrete leggere o avrete già letto cliccando sul link in basso Monica Faenzi lascerà probabilmente il Consiglio Regionale in favore di un esponente leghista.
Domani si saprà tutto con precisione, ma se fosse vero ci sarebbe da preoccuparsi. Il fatto è simbolicamente grave, se il Pdl comincia a cedere poltrone alla Lega pure da noi, la regione del "Granduca" Verdini, sono messi veramente male.
Speriamo che almeno la Toscana si salvi dal virus leghista...

Rassegna stampa del Comune di Follonica

Wednesday, April 21, 2010

Marrazzo è fra noi




Piero Marrazzo ha rotto il silenzio, ha aspettato che la Magistratura parlasse e poi è tornato a parlare lui dai microfoni di SkyTG24. Tanto di cappello per la pazienza.
Però, come ha scritto anche il Fatto Quotidiano, un po' pochino. Marrazzo parla di "errori personali" e chiede scusa "alla moglie ed alle figlie" per quanto ha fatto.
Niente da dire, siamo in Italia e la famiglia viene prima di tutto. Ma siamo anche nel paese delle eccezioni, dove le responsabilità politiche non esistono.
Marrazzo parla da padre di famiglia e si scorda di essere un uomo dello Stato. Di come ha mancato nei confronti dei suoi elettori, di tutti i cittadini del Lazio e del suo partito non sembra fregargli granchè.
Con quello scandalo ha gettato una regione nel caos politico e si è reso in parte responsabile della sconfitta del cantrosinistra.
Beninteso, io non giudico le preferenze sessuali di Marrazzo e non sminuisco il dolore che probabilmente ha inflitto alla sua famiglia con il suo comportamento.
Lui però si è macchiato anche di una colpa molto grave per un uomo politico: si è reso ricattabile. Un politico ricattabile è un politico a metà di cui i cittadini non possono fidarsi e su cui un paese non può contare nei momenti di necessità. In qualunque momento esiste il rischio che l'interesse nazionale venga messo in secondo piano rispetto all'interesse personale dei ricattatori.
In Italia sappiamo bene cosa succede quando qualcuno mette l'intero apparato dello Stato al servizio dei suoi porci comodi o di quelli delle sue aziende. Dovremmo fare più attenzione.
Un padre di famiglia che si lascia ricattare per salvare il proprio nido merita forse comprensione, ma un politico che lo fa è pericoloso per se e per gli altri. Purtroppo accettando di servire lo Stato si fa una scelta radicale e la propria vita non è più "privata" ma appartiene anche alla nazione. E' triste e forse un po' disumanizzante ma è la verità. Forse anche di questo Marrazzo dovrebbe chiedere scusa.

Sunday, April 18, 2010

Friday, April 16, 2010

Apocalypse Toscana




Carùn Dimonio! Questa si che è una notiza inquietante, mi sta venendo voglia di restare in Austria...

Berlusconi cerca casa in Toscana

Thursday, April 15, 2010

Tuesday, April 13, 2010

Il vescovo fortunatamente emerito di Grosseto

Leggi l'intervista integrale su Pontifex

Naturalmente Babini ha smentito. Appicca gli incendi e se lispegne da solo, anzi i roghi visto il soggettone.

Monday, April 12, 2010

Friday, April 9, 2010



Leggi l'intervista

"La donna fa politica in maniera più generale, più nobile, rivolta con grande attenzione al bene comune, ma spesso tralascia i rapporti individuali, e per questo è meno incline a riscuotere la preferenza." (Monica Faenzi a ilSole24Ore)

Se questi sono i nobili divento subito mazziniano...

Thursday, April 8, 2010

Era una notte buia e tempestosa...


Il partito di cristallo si é rotto? É difficile dirlo adesso, anche se dalle regionali é giá passato qualche giorno. Sono arrivate mentre ero in Ungheria, tagliato volutamente fuori da ogni fonte di informazione. Meglio cosí volevo vedere tutto con calma, dopo la fine, e pensarci un po' su.
Di sicuro peró ci siamo fatti ancora una volta male e come al solito siamo finiti a dare la colpa agli altri. La colpa é solo nostra.
Abbiamo candidato due capibastone da quattro soldi in Campania ed in Calabria. Due indagati, uno dei quali per camorra. Ma come pensiamo che la gente ci creda quando promettiamo di ripulire il Parlamento?
In Piemonte abbiamo ancora una volta chiuso la porta un faccia al popolo a cinque stelle, che dal 2007 ci chiede di fare nostra una parte del loro programma. Sono persone che guardano al PD con speranza e che questa specie di partito alla Flores d'Arcais continua ad ignorare perché si rapporta alla societá civile con un'atteggiamento di paternalistica superioritá. Come se fossimo gli educatori di un'Italia ignorante.
In Lazio ci siamo ancora fatti prendere in giro dallo Stato Vaticano, a cui siamo incapaci di contrapporre un'alternativa morale, ed intanto loro continuano a recitare il ruolo del leone recitando la parte dell'ago della bilancia politica in uno Stato sovrano.
Un mio amico francese mi ha detto che l'Italia non vuol essere salvata. Non é vero. Siamo noi che non vogliamo salvarla facendo i maestrini e continuando a contraddirci da soli. Di piú, continuiamo ad a arrovellarci intorno a questioni non importanti dando risposte intelligenti a problemi inutili.

Thursday, March 25, 2010

Vecchia Forza Nuova


Leggi sulla rassegna stampa

Forza Nuova spinge per gli artigiani al posto degli ipermercati. La prossima mossa sarà sicuramente la restaurazione dello ius primae noctis, seguita dall'abolizione dell'illuminazione elettrica e la messa al bando dei termosifoni in favore dei caminetti.

P.S. Chi glielo va a dire ai nostri amici di nero vestiti che una federazione mondiale degli artigiani proprietari dei mezzi di produzione era il sogno di Marx? Mi sa che gli viene una crisi di identità...

Tuesday, March 23, 2010

Dichiarazione di voto


Leggi su Repubblica

In Lazio non votate per il Vaticano, votate per il Lazio!

Monday, March 22, 2010

Sognano o forse si sono svegliati?

da http://altraeuropa-tito.blogspot.com


Immagine tratta da: schizoamerica

La riforma sanitaria è passata. Speriamo solo che non sia l'ennesimo sogno americano. Ne abbiamo visti tanti infrangersi, ma forse ora hanno capito che anche loro hanno molto da imparare.

La prossima domanda è: quando ci metteremo al lavoro per costruire un sogno europeo?

Washington Post

Sunday, March 14, 2010

Via libera all'inceneritore di rifiuti

Via libera all'incenerimento dei rifiuti in Maremma. Dopo anni di scontri e polemiche, di sì, di no, di front e dietrofront, la Provincia ha infatti concesso la Via a Scarlino Energia: la giunta Marras, giovedì sera, ha concluso il procedimento di riesame con una "pronuncia di compatibilità ambientale".

Decisivo il parere espresso dal gruppo di tecnici capitanati da Silvano Focardi, professore dell'Università di Siena, sul rapporto consegnato dal comitato d'inchiesta pubblica. Al documento precedente sono state apportate variazioni mirate a consentire un sistema di controlli più efficente. Ora si attende il responso dell'Aia, che si avrà solo martedì. Intanto dai documenti emerge in modo ufficiale una "novità" importante. Si scrive cioè nero su bianco che l'impianto di Scarlino va considerato come un vero e proprio inceneritore, facendo retrocedere quella che finora era stata definita la sua funzione principale: la produzione di energia.

Quest'ultimo aspetto è la svolta nel procedimento di riesame. Infatti, secondo la Provincia questa qualificazione dell'impianto in progetto (quindi della Via come "inceneritore") fornisce oggi maggiori garanzie di tutela per l'ambiente e la salute, dato che dalla documentazione esaminata viene fuori la presenza delle tutele impiantistiche previste dalla legge. «Dall'analisi effettuata è emerso un quadro sicuramente più completo rispetto a quello evidenziato dalle determine precedenti - si legge nel comicato della presidenza della Provincia - e grazie alle prescrizioni aggiuntive proposte soprattutto nel campo dei monitoraggi, le criticità possano ritenersi superate». Considerando ciò, la Provincia ha integrato il rapporto interdisciplinare del 2009, tenendo conto delle considerazioni espresse dal professor Focardi. Insomma, qualificando l'impianto di Scarlino come un "inceneritore" il riesame della Via è risultato compatibile.

Rassicurata dall'impiantistica a norma di legge, la giunta Marras si è occupata di tutti gli altri aspetti sollevati dalla commisione d'inchiesta pubblica e dagli altri soggetti pubblici e privati interessati all'inceneritore. La filosofia seguita in questo senso si rappresenta in un sistema di controlli a vasto spettro. Lo spiega lo stesso presidente Marras, evidenziando - anche a parare in anticipo le violente critiche che colpiranno questo via libera - i risultati positivi raggiunti con lo stop decretato nell'autunno 2009. Il risultato è sempre lo stesso (sì all'incenerimento), ma - dice Marras - con questi mesi di riflessione si sono ottenute maggiori garanzie.

«La nuova pronuncia contiene molte importanti prescrizioni aggiuntive - scrive - che incidono sul progetto presentato e offrono maggiori tutele e garanzie sotto il profilo della tutela della salute, dell'impatto ambientale e delle dotazioni impiantistiche. Sono stati infatti redatti un piano di monitoraggio della stessa Via, un piano di controllo dell'impianto di competenza diretta della Provincia, un piano di monitoraggio sullo stato di salute della popolazione locale e infine è stato previsto l'avvio di un progetto di teleriscaldamento per ridurre le emissioni in atmosfera degli impianti di riscaldamento di circa 4.500 abitanti».

Ma non finisce qui il nuovo sistema di controlli imposti dalla giunta provinciale, che punta anche a rassicurare imprenditori agricoli ed economici del territorio. In questo senso, verrà disposta una serie di controlli su vari aspetti dell'inceneritore, come le emissioni al camino, un piano di controllo dell'aria, dell'acqua e della terra, nonché un piano di biomonitoraggio della popolazione locale di animali di interesse zootecnico e veterinario al fine di prevenire rischi per la salute pubblica derivanti dal consumo di prodotti di allevamento. «Riteniamo di aver predisposto strumenti in grado di fornire adeguate rassicurazioni di tutela ambientale, sanitaria e d'impatto sulle attività economiche del territorio e sulle produzioni agricole», conclude Marras.

di Alfredo Faetti

da http://iltirreno.gelocal.it

Wednesday, March 10, 2010

Contro “i voleri dell’Augusto” di turno

Nei giorni in cui il Parlamento è impegnato sul “legittimo impedimento”, il Consiglio dei Ministri vara il decreto “salva liste”, che, malgrado il plurale, è rivolto a una sola lista. Sembra quasi che in Italia non ci siano altre questioni rilevanti se non quelle legate al Premier e al suo partito; e intanto la crisi continua a mordere lavoro, famiglie e imprenditori e i casi di corruzione tornano a essere cronaca quotidiana.

Il “pasticciaccio romano” rivela una profonda pressappocaggine degli apparati del PDL. Una pressappocaggine aggravata da profonde lacerazioni interne e da lotte intestine. E’ un fatto noto che la definizione dei candidati delle liste romane del PDL è avvenuta al chiuso di quattro mura nell’ultima notte, all’ultimo momento. E’ bastato quindi un piccolo imprevisto per procurare un ritardo di consegna che ha generato il “pasticciaccio romano”.
Al contrario, valuto positivamente il processo delle primarie portato avanti dal PD regionale. Positivo perchè le liste sono state definite mesi e settimane prima della consegna. Positivo perchè a scegliere non sono stati degli oligarchi di apparato, ma le persone, tra cui molti follonichesi.

Certo, non nego che le primarie siano uno strumento perfettibile; ma è assordante il silenzio del PDL locale sul “pasticciaccio romano” almeno quanto erano stridenti le critiche portate avanti dal PDL locale sulle primarie del centro-sinistra. Gli stessi esponenti che urlavano spavaldamente le pecche dello strumento delle primarie oggi sottacciono impauriti alla palese nefandezza dei loro metodi, che bloccano un’intera nazione. Eppure sono in molti elettori del PDL che ammettono la propria contrarietà a questi metodi, ma i vertici del PDL (anche locale) “fanno orecchie da mercante”.

Come ha scritto Ernesto Galli Della Loggia in un editoriale del Corriere della Sera, “Se conta solo la vittoria elettorale, infatti, e il carisma berlusconiano basta a vincere le elezioni, allora è fatale che la qualità degli uomini, il merito, l’onestà, non contino niente. Che tutto si riduca a chi si precipita meglio e per primo a fare i voleri dell’Augusto, a prodursi nell’inchino più profondo e nell’elogio più compiacente. Salvo poi, come capita, ordire dietro le quinte le inevitabili congiure.”

Qui non si tratta di decidere a chi intitolare una via, ma di stabilire le regole democratiche e le libertà politiche e sociali della nostra comunità. Per tutto ciò attendo, presuppongo vanamente, uno scatto di orgoglio da parte del centro-destra cittadino contro “i voleri dell’Augusto” di turno.

Il PD dal canto suo, scenderà in piazza e trasformerà tutte le proprie manifestazioni elettorali in una mobilitazione di protesta ed in difesa delle regole democratiche.

da: http://www.partitodemocratico-follonica.it/?p=332

Friday, February 19, 2010

Tuesday, February 16, 2010

Wednesday, February 3, 2010

Pluralità d'intenti


"Una moltitudine di comandanti non è mai una buona cosa, ci deve essere un solo dominatore, un solo re" (Omero)

Enrico Rossi, candidato del centro-sinistra alla presidenza della Regione Toscana si dice non contrario alla costruzione di inceneritori, in particolare, pare, quello che si costruirà vicino al nostro comune.
Non mi interessa entrare nell'argomento. Saranno i tecnici ad accertare (come hanno già fatto) se esiste un pericolo per la salute dei nostri concittadini. Io stesso ho scritto su questo blog che la Toscana non può essere solo bella. Il problema non è questo.

Il problema è l'anarchia che regna all'interno del Partito Democratico, il clima da guerra civile che si respira.
Sia ben chiaro neanche un problema di metodi. Il problema non è se si fanno o meno le primarie, il problema è che servono regole certe, chiare e condivise.
La verità è che, come mi ha detto un amico, che portare avanti la discussione sugli intenti programmatici in maniera decentrata territorialmente, spezzettandola ulteriormente in gruppi tematici non funziona. Questi gruppi si riducono spesso ad accozzaglie confuse e slegate dalla realtà, che litigano fra loro e al loro interno, oppure si perdono in lunghe liste di "no".

Mi ricordo ancora delle primarie: Bersani parlava soprattutto di lavoro, Marino soprattutto di laicità e ricerca, Franceschini parlava soprattutto di opposizione. Il fatto era che non si capiva cosa pensava Bersani della laicità e della ricerca (a parte i fatto che la Binetti lo odia, ma questa è una nota di merito), non si capiva cosa pensava Marino di lavoro, o cosa pensava Franceschini di tutti e due gli argomenti. Insomma, mancava qualcuno che avesse un opinione su tutto.
Non sono un generalista, ma credo che un politico senza una visione d'insieme sia come un playmaker che non ha visione di gioco. L'azione non parte e scattano i secondi (scusate la metafora cestistica).

Lo stesso Enrico Rossi ha detto cose belle ed importanti. Ha parlato della necessità di una rinascita economica a Viareggio; di tutela dell'ambiente a Lucca; di lavoro, giovani e politiche territoriali a Follonica; di unità programmatica a Firenze o di trasporti in Garfagnana. Spero un giorno di sentirgli dire tutte queste cose in un unico comizio.

Risultato: candidato presidente e giunta non sono d'accordo perchè non hanno discusso insieme della questione, per colpa di chi non è importante, tanto il costume è diffuso.
Non possiamo meravigliarci di perdere voti, come possiamo pretendere di ottenerne se gli elettori non capiscono cosa pensiamo? Ogni appuntamento ci presentiamo diversi, per questo facciamo fatica a farci capire. Non abbiamo unità/continuità di linguaggio.
I risultati dei gruppi tematici all'interno del PD sono spesso confusi, in contraddizione tra loro e privi di risvolti pratici. Ci serve un serio dibattito nazionale su tutti i temi sensibili: lavoro, immigrazione, ricerca, politiche giovanili, ambiente, politica estera ... che decida una linea che poi DEVE andare bene per tutti.

La citazione di Omero non vuole essere un incitamento alla monarchia elettiva di stampo berlusconiano. Non deve essere un uomo a comandare, ma una strategia programmatica, che una volta decisa democraticamente deve andare bene per tutti. Una strategia di lungo periodo che deve durare per anni, accordandola ad ogni appuntamento elettorale o congiuntura esterna, ma che non può essere rivoltata come un calzino ad ogni piè sospinto.
La nostra democrazia è rappresentativa, e il nostro partito deve essere rappresentativo per essere democratico. Molto spesso troppe voci fanno solo una gran confusione nella testa degli elettori.

Friday, January 29, 2010

Enrico Rossi in Maremma

Thursday, January 28, 2010

Wednesday, January 27, 2010

Arrivano i mostri

Con il senatore Dell'Utri esiste un rapporto di grande cordialità e di stima reciproca. La mia impressione su di lui è estremamente positiva: penso sia una persona pacata, sensibile e di spessore" (Nicola Latorre, DS, vice-capogruppo dell'Ulivo al Senato,Corriere della Sera, 9 marzo 2007)

Che sia il caso di fare un test psico-attitudinale prima di dare le tessere?!

Lupi vestiti da agnelli



L'ex-vescovo di Grosseto, Monsignor Giacomo Babini, si è lasciato andare ad un intervento che oserei dire "saguigno" contro Nichi Vendola, gli omosessuali in genere e l'Islam.
Per la lettura integrale vi rimando al sito http://www.pontifex.roma.it.

Questo mi fa pensare che in fondo certe persone perdono il pelo ma non il vizio. Dovrebbe farci riflettere prima di pensare a fantomatici laboratori locali con l'UDC. L'intervento mi ricorda molto il "Rocco Horror Picture Show" (come scrisse un giornale danese) di Buttiglione in Europa.

In fondo non sarà un caso se il film "Agorà" di Pedro Amenabar, con tanto di cast stellare (è presente fra gli altri anche Rachel Weisz), distribuito in tre continenti, non ha ancora trovato un distributore in Italia. Perchè? Perchè parla della storia di Ipazia di Alessandria, la cui storia vi invito a leggere su questo link di Wikipedia (http://it.wikipedia.org/wiki/Ipazia_di_Alessandria). Uno dei tanti fantasmi che la Chiesa Cattolica vorrebbe lasciarsi alle spalle ed in Italia ci riesce facilmente come al solito.
Guardatevi il trailer inglese sopra, ne vale la pena.

Tuesday, January 26, 2010

da http://www.repubblica.it

Prodi: "La gente mi chiede
chi comanda nel Pd"

di MASSIMO GIANNINI


Prodi: "La gente mi chiede chi comanda nel Pd"
Bastonato in Puglia. Umiliato a Bologna. Spiazzato nel Lazio. Confuso ovunque. Romano Prodi, padre nobile del Partito democratico, osserva da lontano i tormenti della sua "creatura". "Tre settimane fa ero a Campolongo, a sciare. In fila per lo skilift la gente mi fermava e mi chiedeva solo questo: ma chi comanda, nel Pd?". Bella domanda. Il Professore non ha la risposta. E per la verità neanche la cerca: "Ormai sono fuori, e quando si è fuori si è fuori...", dice l'ex premier. Non si sogna nemmeno di "sparare sul quartier generale", una delle abitudini preferite della sinistra italiana di ieri e di oggi. Proprio lui, poi, l'unico che è riuscito a battere Berlusconi due volte, anche se poi non è riuscito a governare come avrebbe voluto. Ma la domanda resta, in tutta la sua drammatica semplicità. Chi comanda, nel Pd? Il buon Bersani, fresco segretario pragmatico e onesto, ieri ha messo la sua faccia sulla sconfitta pugliese e sul pasticcio bolognese. Ma il suo limite, in questa prima fase di gestione del partito, è stato un esercizio timido e intermittente della leadership. Quello che nella campagna elettorale delle primarie nazionali era stato il suo miglior pregio (la sana realpolitik emiliana, la forza operosa e tranquilla, la capacità di rassicurare gli elettori) nella campagna elettorale per le primarie è diventato il suo peggior difetto. Molte parole di buon senso, ma pochi messaggi che trascinano. Molte iniziative diffuse sul territorio, ma poca "gestione" delle partite locali complesse. Così, a tratti, ha alimentato il sospetto di lasciarsi "etero-dirigere": dalla "volpe del tavoliere" in Puglia, dalla Bonino nel Lazio, da Casini un po' ovunque.


Ieri, in direzione, nessuno l'ha processato per questo. La minoranza veltroniana e franceschiniana non ha infierito, ed ha evitato di ricadere nel vizio tafazziano preferito dal centrosinistra: il regolamento dei conti. Ma in conferenza stampa Bersani era solo, a fronteggiare le domande dei cronisti. Dov'era Massimo D'Alema, che in Puglia ha tentato con l'Udc l'ennesimo esperimento di laboratorio, spazzato via con le provette neo-centriste e gli alambicchi neo-proporzionalisti dai 200 mila elettori che hanno tributato un plebiscito a Nichi Vendola? E dov'era Enrico Letta, che il 4 gennaio in un Largo del Nazareno ancora deserto per le vacanze di Capodanno annunciò il no alle primarie e la candidatura unica di Francesco Boccia? Non pervenuti. E così l'impressione, che è di Prodi ma non certo solo di Prodi, è che alla fine il partito sia in realtà "sgovernato", e un po' in balia di se stesso. Il Professore non lo dice, e "per correttezza" (come ripete in continuazione) si guarda bene dal dare giudizi sulle strategie politiche di questi ultimi mesi e sulle scelte del segretario. Lui, tra l'altro, Bersani l'ha anche sostenuto e votato alle primarie. Ma il Pd è pur sempre il "suo" partito. Lo ha sognato e alla fine fondato. Vederlo ridotto così, oggi, gli fa male. "Sa cosa mi dispiace, soprattutto? È vedere che ormai sembra sempre più debole la ragione dello stare insieme...". Come dire: quello che manca è il vecchio "spirito dell'Ulivo", quel mantra evocato ossessivamente fino a due anni fa, a volte quasi come un esorcismo, che spinse e convinse i vertici di Ds e Margherita ad uscire dalla casa dei padri, e a fondere i due riformismi, quello di matrice laico-socialista e quello di matrice democratico-cristiana.

Non che nelle stagioni passate quello "spirito" abbia soffiato così impetuoso. Ma è vero che oggi appare impalpabile. Quasi svanito, come dimostrano le piccole e ingrate diaspore di queste settimane, dalla api rutelliane e agli altri "centrini" cattolici. Dov'è finito il progetto? Dov'è finita "l'unità" che gli elettori invocano da anni? Di nuovo: Prodi non ha la risposta. Si limita a riproporre le domande. E con lui se le ripropone l'eroico "popolo del centrosinistra", che si mette diligente in fila, con un euro in mano, in ogni fredda domenica in cui la pur esecrata "nomenklatura" chiama: quale autodafè deve ancora accadere, prima che le magnifiche sorti e progressive del grande "partito riformista di massa" si riducano in rovine fumanti?

Per il Professore, stavolta, c'è un dolore nel dolore. La spina nel cuore si chiama Bologna. Nelle dimissioni di Delbono c'è anche un po' di debacle prodiana. Era stato l'ex premier, a lanciare "l'amico Flavio" verso la candidatura a sindaco. Per forza, oggi, la sua uscita di scena brucia due volte. Prodi prova a girarla in positivo: "Prima di tutto, analizziamo la dimensione del problema. Di cosa si sta parlando? Non si distrugge la vita di un uomo, come è accaduto in questi giorni, per una storia come quella, per una manciata di euro...". E se gli fai notare lo "scandaletto", i due bancomat e il "cha-cha-cha della segretaria", il Professore non arretra. "Certo, doveva essere più accorto. Ma in questi giorni nessuno si è limitato a dire questo: gli hanno dato del delinquente, invece. Hanno parlato di limite etico travolto. Eppure altrove, per altri amministratori locali di centrodestra che ne hanno combinate di tutti i colori, nessuno ha gridato allo scandalo, e si a' mai sognato di chiedere le dimissioni. Allora queste cose le vogliamo dire sì o no?". Appunto, le dimissioni. Proprio a Bologna, che già era uscita un po' malconcia dall'era Cofferati. "Ma anche le dimissioni, vede, confermano la differenza di stile di Delbono: ha compiuto un atto di responsabilità verso la città. Ora sarà più libero di dimostrare la sua innocenza, della quale sono non sicuro, ma sicurissimo. Non era obbligato a dimettersi, ma l'ha fatto. Ha messo il bene comune sopra a tutto, prima delle convenienze personali. Chi altri l'avrebbe fatto? La Moratti, forse?".

E ora? Che ne sarà di Palazzo Accursio? Nei boatos, che riecheggiano sotto i portici del centro storico e nei conciliaboli del Bar Ciccio, c'è solo un nome che rimbalza, per la successione a Delbono. Ed è proprio il suo: Romano Prodi. Possibile? Il Professore ridacchia, e quasi sibila in uno slang emiliano che si fa più stretto: "Ma non ci pensi neanche un momento... Gliel'ho già detto: in politica o si sta dentro, o si sta fuori. E io dentro ci sono già stato anche troppo. Mi riposo, leggo, studio molto, faccio le mie lezioni qui in Italia e in Cina. E sono sereno così". Ma il Pd, Professore: che ne sarà del Pd? "Non lo so, speriamo bene...". Di più non gli si estorce, all'uomo che tuttora molti continuano a considerare un possibile "salvatore della patria", per Bologna e non solo. "Eh no - conclude lui - salvatore della patria no! Va bene una volta, va bene due volte, ma tre volte proprio non si può. Grazie tante, ma abbiamo già dato...".
m.gianninirepubblica.it

Monday, January 25, 2010

Grazie Puglia


La Puglia ha dato a questo partito una grande lezione di umiltà. Ci ha insegnato che i governatori di successo non si mettono da parte. Che non è possibile chiedere una legge elettorale con le preferenze, quando si calano candidati perdenti e raccomandati dall'alto. Che la segreteria di cui si è circondato Bersani non è assolutamente in grado di affrontare le sfide che il Berlusconismo ci pone davanti.
Non possiamo rovesciare questo governo autoritario ed illiberale essendo a nostra volta autoritari ed illiberali.

Ma cosa più importante di tutte, ci ha ricordato a dove dobbiamo guardare per le alleanze. Tendendo una mano SD e IdV ci seguirebbero in ogni regione, supportandoci con le loro tutt'altro che modeste forze.
E' a loro che dobbiamo guardare, e non a quelle facce da quaresima dell'UDC, talmente impegnati a baciar pile a destra e a manca, chinati sui loro inginocchiatoi che si sono scordati che aspetto abbia l'orizzonte.
Sono solo delle prostitute della politica che si vendono a destra e a manca regione per regione al miglior offerente e di cui è impossibile fidarci.
Sono espressione di una delle organizzazioni più incivili ed illiberali del nostro tempo, che lavora per divorare la nostra società civile dall'interno. Espressione di tutto quello che non è lo Stato liberale che in Italia dovremmo finalmente ricostruire.

L'elettorato di SD e IdV invece guarda al PD come una guida, sono partit seri e maturi che possono aiutarci a costruire col loro capitale umano un futuro migliore. Insieme possiamo convincere e incominciare a costruire un'Italia che possa andare verso nuove sfide a testa alta, invece di continuare a ridere "sotto i baffi".

Wednesday, January 20, 2010

La morte della seconda repubblica



Cara Signora, ricorre domani il decimo anniversario della morte di Bettino Craxi, e io desidero innanzitutto esprimere a lei, ai suoi figli, ai suoi famigliari, la mia vicinanza personale in un momento che è per voi di particolare tristezza, nel ricordo di vicende conclusesi tragicamente. Non dimentico il rapporto che fin dagli anni '70 ebbi con lui per il ruolo che allora svolgevo nella vita politica e parlamentare. Si trattò di un rapporto franco e leale, nel dissenso e nel consenso che segnavano le nostre discussioni e le nostre relazioni anche sul piano istituzionale. E non dimentico quel che Bettino Craxi, giunto alla guida del Partito Socialista Italiano, rappresentò come protagonista del confronto nella sinistra italiana ed europea.

Ma non è su ciò che oggi posso e intendo tornare.

Per la funzione che esercito al vertice dello Stato, mi pongo, cara Signora, dal solo punto di vista dell'interesse delle istituzioni repubblicane, che suggerisce di cogliere anche l'occasione di una ricorrenza carica - oltre che di dolorose memorie personali - di diversi e controversi significati storici, per favorire una più serena e condivisa considerazione del difficile cammino della democrazia italiana nel primo cinquantennio repubblicano.

E' stato parte di quel cammino l'esplodere della crisi del sistema dei partiti che aveva retto fino ai primi anni '90 lo svolgimento della dialettica politica e di governo nel quadro della Costituzione. E ne è stato parte il susseguirsi, in un drammatico biennio, di indagini giudiziarie e di processi, che condussero, tra l'altro, all'incriminazione e ad una duplice condanna definitiva in sede penale dell'on. Bettino Craxi, già Presidente del Consiglio dal 1983 al 1987. Fino all'epilogo, il cui ricordo è ancora motivo di turbamento, della malattia e della morte in solitudine, lontano dall'Italia, dell'ex Presidente del Consiglio, dopo che egli decise di lasciare il paese mentre erano ancora in pieno svolgimento i procedimenti giudiziari nei suoi confronti.

Si è trattato - credo di dover dire - di aspetti tragici della storia politica e istituzionale della nostra Repubblica, che impongono ricostruzioni non sommarie e unilaterali di almeno un quindicennio di vita pubblica italiana. Non può dunque venir sacrificata al solo discorso sulle responsabilità dell'on. Craxi sanzionate per via giudiziaria la considerazione complessiva della sua figura di leader politico, e di uomo di governo impegnato nella guida dell'Esecutivo e nella rappresentanza dell'Italia sul terreno delle relazioni internazionali.

Il nostro Stato democratico non può consentirsi distorsioni e rimozioni del genere. Considero perciò positivo il fatto che da diversi anni attraverso importanti dibattiti, convegni di studio e pubblicazioni, si siano affrontate, tracciando il bilancio dell'opera di Craxi, non solo le tematiche di carattere più strettamente politico, relative alle strategie della sinistra, alle dinamiche dei rapporti tra i partiti maggiori e alle prospettive di governo, ma anche le tematiche relative agli indirizzi dell'attività di Craxi Presidente del Consiglio.

Di tale attività mi limito a considerare solo un aspetto, per mettere in evidenza come sia da acquisire al patrimonio della collocazione e funzione internazionale dell'Italia la conduzione della politica estera ed europea del governo Craxi: perchè ne venne un apporto incontestabile ai fini di una visione e di un'azione che possano risultare largamente condivise nel Parlamento e nel paese proiettandosi nel mondo d'oggi, pur tanto mutato rispetto a quello di alcuni decenni fa. Le scelte di governo compiute negli anni 1983-87 videro un rinnovato, deciso ancoraggio dell'Italia al campo occidentale e atlantico, anche di fronte alle sfide del blocco sovietico sul terreno della corsa agli armamenti ; e videro nello stesso tempo un atteggiamento "più assertivo" del ruolo dell'Italia nel rapporto di alleanza - mai messo peraltro in discussione - con gli Stati Uniti.

In tale quadro si ebbe in particolare un autonomo dispiegamento della politica estera italiana nel Mediterraneo, con un coerente, equilibrato impegno per la pace in Medio Oriente. Il governo Craxi e il personale intervento del Presidente del Consiglio si caratterizzarono inoltre per scelte coraggiose volte a sollecitare e portare avanti il processo d'integrazione europea, come apparve evidente nel semestre di presidenza italiana (1985) del Consiglio Europeo.

Né si può dimenticare l'intesa, condivisa da un arco assai ampio di forze politiche, sul nuovo Concordato: la cui importanza è stata pienamente confermata dalla successiva evoluzione dei rapporti tra Stato e Chiesa.

Numerosi risultano in sostanza gli elementi di condivisione e di continuità che da allora sono rimasti all'attivo di politiche essenziali per il profilo e il ruolo dell'Italia. In un bilancio non acritico ma sereno di quei quattro anni di guida del governo, deve naturalmente trovar posto il discorso sulle riforme istituzionali che aveva rappresentato, già prima dell'assunzione della Presidenza del Consiglio, l'elemento forse più innovativo della riflessione e della strategia politica dell'on. Craxi.

Nel quadriennio della sua esperienza governativa quel discorso tuttavia non si tradusse in risultati effettivi di avvio di una revisione della Costituzione repubblicana. La consapevolezza della necessità di una revisione apparve condivisa attraverso i lavori di una impegnativa Commissione bicamerale di studio (presieduta dall'on. Bozzi): ma alle conclusioni, peraltro discordi, di quella Commissione nel gennaio 1985 non seguì alcuna iniziativa concreta, di sufficiente respiro, in sede parlamentare. Si preparò piuttosto il terreno per provvedimenti che avrebbero visto la luce più tardi, come la legge ordinatrice della Presidenza del Consiglio e, su un diverso piano, significative misure di riforma dei regolamenti parlamentari.

Tra i problemi che nell'Italia repubblicana si sono trascinati irrisolti, c'è certamente quello del finanziamento della politica. Si era tentato di darvi soluzione con una legge approvata nel 1974, a più di venticinque anni dall'entrata in vigore della Costituzione. Ma quella legge mostrò ben presto i suoi limiti, in particolare per la debolezza dei controlli che essa aveva introdotto. Attorno al sistema dei partiti, che aveva svolto un ruolo fondamentale nella costruzione di un nuovo tessuto democratico nell'Italia liberatasi dal fascismo, avevano finito per diffondersi "degenerazioni, corruttele, abusi, illegalità", che con quelle parole, senza infingimenti, trovarono la loro più esplicita descrizione nel discorso pronunciato il 3 luglio 1992 proprio dall'on. Craxi alla Camera, nel corso del dibattito sulla fiducia al governo Amato.

Ma era ormai in pieno sviluppo la vasta indagine già da mesi avviata dalla Procura di Milano e da altre. E dall'insieme dei partiti e dei loro leader non era venuto tempestivamente un comune pieno riconoscimento delle storture da correggere, nè una conseguente svolta rinnovatrice sul piano delle norme, delle regole e del costume. In quel vuoto politico trovò, sempre di più, spazio, sostegno mediatico e consenso l'azione giudiziaria, con un conseguente brusco spostamento degli equilibri nel rapporto tra politica e giustizia. L'on. Craxi, dimessosi da segretario del PSI, fu investito da molteplici contestazioni di reato. Senza mettere in questione l'esito dei procedimenti che lo riguardarono, è un fatto che il peso della responsabilità per i fenomeni degenerativi ammessi e denunciati in termini generali e politici dal leader socialista era caduto con durezza senza eguali sulla sua persona. Nè si può peraltro dimenticare che la Corte dei Diritti dell'Uomo di Strasburgo - nell'esaminare il ricorso contro una delle sentenze definitive di condanna dell'on. Craxi - ritenne, con decisione del 2002, che, pur nel rispetto delle norme italiane allora vigenti, fosse stato violato il "diritto ad un processo equo" per uno degli aspetti indicati dalla Convenzione europea.

"Alle regole del giusto processo, l'Italia si adeguò, sul piano costituzionale, con la riforma dell'art. 11 nel 1999. E quei principi rappresentano oggi un riferimento vincolante per la legislazione nazionale e per l'amministrazione della giustizia in Italia. Si deve invece parlare di una persistente carenza di risposte sul tema del finanziamento della politica e della lotta contro la corruzione nella vita pubblica. Quel tema non poteva risolversi solo per effetto del cambiamento (determinatosi nel 1993-94) delle leggi elettorali e del sistema politico, e oggi, in un contesto politico-istituzionale caratterizzato dalla logica della democrazia dell'alternanza, si è ancora in attesa di riforme che soddisfino le esigenze a cui ci richiama la riflessione sulle vicende sfociate in un tragico esito per l'on. Bettino Craxi.

E' questo, cara Signora, il contributo che ho ritenuto di dover dare al ricordo della figura e dell'opera di suo marito, per l'impronta non cancellabile che ha lasciato in un complesso intreccio di luci e ombre, nella vita del nostro Stato democratico.

Con i più sinceri e cordiali saluti,

Giorgio Napolitano"

Il dolore umano per la perdita di un conoscente/amico/quello che vi pare è sempre una cosa che deve essere rispettata. Ma rappresentare le istituzioni non è un hobby e non può essere interpretato secondo i sentimenti personali. Questi sono legittimi, ma quando non devono essere anteposti al senso dello Stato da chi quello Stato dovrebbe rappresentare.
Se essere di destra, come diceva Montanelli, è "avere senso dello Stato" Napolitano è di sinistra di sicuro.
Il malleabile signor "Firmo-al-primo-colpo" ha dimostrato ancora una volta di che pasta (frolla) è fatto.
Con questa lettera, tanto encomiabile sul piano umano, quanto inappropriata sul piano istituzionale, ha delegittimato quanto restava da delegittimare della Seconda Repubblica e ha mostrato una totale mancanza di rispetto per il lavoro della magistratura, di cui dovrebbe essere a capo. Ma soprattutto fa capire che i fini di Craxi ne giustificavano i mezzi.
Mi ricorda un Luca Romagnoli di qualche anno fa, che a SKY TG24 diceva che Hitler era uno statista incappato in gravi storture, a quanto l'indagine storica ha finora attestato.
Mi sa che alla fine aveva ragione Giorgio Bocca a scrivere qualche anno fa sull'Espresso che "prima di questa repubblica era meglio la monarchia".

da http://altraeuropa-tito.blogspot.com

Tuesday, January 19, 2010

Toscana Razzista


La Toscana viene sempre pensata da chi non ci vive come un luogo di pace. Una bruna isola di serenità in un continente turbolento. Questa è l'immagine idilliaca che ci hanno regalato i viaggiatori inglesi dell'800 e l'ondata di ricchi turisti tedeschi che fanno incetta di villette per le vacanze a Prata come a Siena e nel Chianti.
La verità è che la Toscana a volte rivela un'anima inquieta e inquietante. Ha generato mostri, briganti e serial killer, e anche se nessuno lo vuole ammettere la sua storia fornirebbe materiale per un eccellente disco Black Metal che non vedrei l'ora di ascoltare. Basta pensare alle chiese sconsacrate che sono a tutt'oggi teatro di messe nere, in provincia di Pisa.
La Toscana non è quell'isola di fraternità disegnata ipocritamente dall'ultimo Benigni, è molto di più e molto di questo non vogliamo spesso vedere.
La Toscana è fatta di faide fra città, comuni, province, che ci trasciniamo dal medioevo, come tutte le altre regioni d'Italia. Non siamo diversi.
Lo dimostra il cartello affisso ad un negozio di Empoli: «Vietato ai cinesi se non parlano italiano».
Roba da leggi razziali. Quando diamo dei razzisti ai leghisti del Nord-Est dovremmo sciacquarci la bocca, a volte non siamo meglio di loro.
L'immigrazione è un problema? Certo! Il razzismo dichiarato e non più solo sussurrato può essere una risposta? Non credo.
Come possiamo pretendere rispetto da chi arriva nel nostro paese se non siamo i primi a dimostrarlo. Si può dire quello che si vuole, ma agli immigrati non porgiamo certo la mano.
E questo è solo l'inizio credo, dopo la vittoria di questa destra tutta meretricio e manganello a Prato la parabola discendente della tolleranza è cominciata anche da noi.
Bando agli stranieri, salvo quelli che ci portano soldi d'estate.
Che figura di m***a!

Sunday, January 17, 2010

da http://www.partitodemocratico-follonica.it

Il Partito Democratico apprezza l’intervento proposto dall’amministrazione comunale per la rigenerazione mirata delle pinete di Follonica.

Quello che è accaduto negli ultimi giorni ai nostri pini è la conseguenza di un periodo di piogge eccessive e dell’età avanzata di questi alberi. Come partito siamo estremamente convinti che il verde sia fondamentale per la città: alberi e piante non sono solo decorazioni ma veri e propri ‘polmoni’ di ossigeno che rendono migliore l’aria che respiriamo. Per Follonica la pineta caratterizza la morfologia del litorale rendendola una città moderna ma contemporaneamente immersa nel verde. Per questo auspichiamo che la risposta alla richiesta inoltrata in Provincia attraverso i Pasl, inerente il progetto di salvaguardia delle nostre pinete riceva risposta positiva. Un piano questo che prevede il taglio dei pini vecchi e malati con la conseguente ripiantumazione di alberi sani e giovani. Naturalmente questo importante lavoro comporterà la chiusura a tratti dei parchi cittadini, con una sensazione di ‘disboscamento’a macchia di leopardo. La tutela del territorio e la lungimiranza delle iniziative da attuare spero che saranno argomenti abbastanza importanti per far si che questo progetto possa iniziare rigenerando con il tempo le zone di pineta sottoposte a questa misura di rimpiantumazione. Forse qualcuno si lamenterà, forse questo piano porterà con sé delle polemiche, ma sarà nostro dovere portare avanti questo progetto che ci permetterà di salvaguardare la nostra pineta, e far sì che episodi come quelli degli ultimi giorni, con alberi secolari che si spezzano in due, provocando anche timore per la sicurezza dei cittadini, non accadano più e sia i cittadini follonichesi sia i turisti che apprezzano il nostro territorio continuino ad usufruire di un bene che continuerà a recare piacere a tutta la collettività. La necessità di rigenerare la pineta di Follonica nasce anche dalla volontà e dal desiderio che questa zona verde rimanga immutata per evitare che nei prossimi anni tale spazio sia assorbito da una cementificazione sconsiderata che porterebbe guadagno ad una ristretta categoria di persone a discapito dell’interesse collettivo.

Anna Maria Gaggioli

Segretario PD Follonica

Monday, January 11, 2010

Matteoli pensa in grande per Firenze

Il braccio di ferro sulla nuova stazione ferroviaria dell'alta velocità di Firenze, che da qualche mese vede protagonisti il sindaco del capoluogo toscano, Matteo Renzi, e l'amministratore delegato delle Ferrovie, Mauro Moretti, è arrivato a una svolta. I prossimi giorni saranno decisivi per capire se la soluzione (necessariamente di compromesso) è a portata di mano, oppure se il confronto diventerà uno scontro vero e proprio, il cui esito sarebbe incerto.
Domani la questione sarà discussa dal consiglio comunale di Palazzo Vecchio e giovedì 14 è in programma a Roma, presente il ministro delle infrastruture Altero Matteoli, l'incontro da cui dovrebbe uscire la decisione finale. Gli spazi di manovra, però, sono minimi. Renzi non vuole il progetto attuale (l'unico esistente), disegnato da Norman Foster, che prevede una stazione sotterranea nella zona degli ex macelli di via Circondaria, a circa 1,7 chilometri da Santa Maria Novella e a 45 metri di profondità, dove passerà il tunnel di 6,1 chilometri del cosiddetto "nodo fiorentino dell'Alta velocità" i cui lavori sono appena iniziati (l'appalto vale circa 700 milioni ed è stato vinto da un raggruppamento d'imprese guidato da Coopsette).
«Dobbiamo garantire sicurezza e qualità della vita a tutta la città», dice Renzi. La soluzione Foster comporterebbe uno scavo a cielo aperto e la costruzione di un gigantesco camerone in cemento armato per deviare la falda, con non meno di 300 camion che ogni giorno attraverserebbero la città per trasportare il materiale. Il sindaco contesta anche l'utilizzo di mezzi su gomma anzichè su ferro (come era previsto dagli accordi) e la mancanza di siti sufficienti a ricevere i quasi 3 milioni di metri cubi di "smarino" dello scavo.
Per questo Renzi aveva proposto una leggera deviazione del tunnel ferroviario con sosta dei treni a una profondità più modesta (25 metri) nell'area tra la Fortezza da Basso e la stazione di superficie di Santa Maria Novella. Ma contro questa ipotesi, inizialmente accolta con favore dalla Regione Toscana e dallo stesso Moretti, si è di fatto schierato il ministro Matteoli, che non vuole allungare i tempi di realizzazione del nodo fiorentino (è previsto che sia ultimato entro il 2015). La proposta di Renzi richiederebbe infatti una nuova valutazione d'impatto ambientale (Via), per la quale servirebbero 3 anni. Su questo punto, anche Moretti sembra irremovibile: per le Ferrovie va avanti il progetto di Foster (che ha un costo di 250 milioni).
Il fatto curioso è che la Via non è stata fatta neppure per la stazione disegnata dall'architetto inglese (c'era una valutazione precedente per un progetto diverso in un'altra area ed è stata considerata valida). La Regione, con l'assessore alle infrastrutture Riccardo Conti impegnato a mediare (pur ribadendo che «l'unico progetto esistente è quello di Foster»), non si opporrebbe a uno spostamento della nuova stazione di 200-300 metri verso S.M.Novella, in modo da unire le due strutture come auspicato da Renzi. La soluzione, in questo momento la più gettonata, troverebbe d'accordo anche Moretti e Matteoli. Ma c'è da valutare l'eventuale aggravio dei costi. E Renzi non sembra convinto.

da http://www.ilsole24ore.com

Friday, January 8, 2010

da http://altraeuropa-tito.blogspot.com

La rivolta di Rosarno è una delle cose più vergognose che siano accadute in Italia da anni. Non la più sanguinosa, non la più grave, ma senz'altro la più vergognosa.
In Italia, come hanno detto da Fare Futuro, esiste la schiavitù, ed è tollerata. E questo in un paese fondatore dell'UE è una vergogna.
Abbiamo un ministro dell'interno che dice che la colpa è anche dell'eccessiva tolleranza verso l'immigrazione clandestina. E questa è una vergogna.
Se gli immigrati non arrivassero chi coltiverebbe i campi della Calabria o andrebbe a raccogliere gli aranci della Sicilia o le olive della Puglia? Senz'altro nessun italiano.
La verità è che di loro abbiamo bisogno e che non c'è forza per arginare la disperazione: un fiume che travolge qualunque forza non affamata che gli si opponga. E noi non siamo capaci di accettarlo perchè vogliamo dire ad ogni costo che ce l'abbiamo duro (il coraggio di opporci si intende).
E allora invece di aiutare queste persone ad integrarsi, a diventare cittadini con tutele ci diamo al muro contro muro feroce.
Non parlo di misure fantascientifiche, parlo di centri di informazione per gli immigrati come ci sono in Germania, parlo di mettere in galera chi da lavoro ai clandestini e regolarizzare questi ultimi quando questi vengono indentificati sul posto di lavoro (come aveva proposto Diliberto - oddio sono d'accordo con un comunista!) oppure di dare il diritto agli immigrati regolari di votare alle amministrative, in modo da aumentare il loro peso politico e quindi dare un incentivo a tutelarli.
Ma non lo facciamo perchè la mafia è un ottimo manager per la politica e la paura è ottima per i comizi.
Ma questa è solo una considerazione giornalistica.